der wanderer

Ho davanti gli anni migliori. O forse no: confusioni di uno xennial

Sono uno Xennial e a quanto dicono, dovrei esserne orgoglioso. Qualche professore emerito che vive down under, ossia dall’altra parte del mondo, mi definisce così. Ovviamente non sono l’unico Xennial su questa terra: perché a popolare questo satellite sorto da poco ci sono milioni di miei “simili” nati in un momento storico ben preciso.

Io, come tutti, nato in un momento imprecisato tra il 1977 e il 1983 avevo tra le mani il game boy e riavvolgevo i nastri con le matite. Ho assistito impassibile alla morte dei telefoni a gettoni perché nel frattempo riuscivo – finalmente – a infilare in tasca un cellulare che riusciva persino a inviare messaggi e – soprattutto – ad entrarmi nelle tasche dei pantaloni.

Sono Xennial e me ne vanto: perché a seconda di sociologi eminenti io farei parte di quella che è la generazione migliore, tanto che il sociologo Dr. Dan Woodman da Melbourne ha pensato bene che valesse la pena sforzarsi per darci un nome.

Dan Woodman ha neutralizzato persino un nemico-amico inossidabile come la nostalgia, perché lui e altri sociologi travestiti da profeti utilizzano la parola fortuna. Dicono che siamo fortunati.

Di cosa? è la domanda che spontaneamente e incolpevolmente sorge spontanea. La risposta è la migliore possibile: abbiamo ancora abbastanza tempo e indiscusse capacità per esplorare questo nuovo mondo attraverso i nuovi mezzi a disposizione che noi stessi abbiamo contribuito a plasmare.

Questo è ciò che permette allo xennial di avere la rivalsa sui suoi genitori, i figli del boom economico o baby boomers, nonché quelli nati a cavallo tra i sessanta e la metà degli anni settanta, ossia la generazione X che ha preso possesso del mondo durante gli anni ottanta e novanta.

Decadi che lo xennial ricorda. Ma che non ha sfruttato a dovere per ovvie ragioni.

Sono Xennial e ricordo è un principio innegabile: ma io, xennial, non ho goduto pienamente di quel mondo dove potevi ancora permetterti di sentire lontane guerre anche vicine. La spensieratezza di quegli anni è dura a morire, incancellabile nei ricordi come i drammi di chi ha avuto meno fortuna.

Lo xennial in realtà conosce, ma non si gode e non si è goduto nessuno dei due mondi. Lo xennial compatisce i millennials, gloriandosi di un’adolescenza più libera e felice.  Ma nel farlo, pecca di superficialità: perché dimentica di essere stato allevato in un mondo di certezze.

Tu xennial come me, nascevi e ascoltavi i più grandi – i festaioli e felici baby boomers diventati adulti con le spalline e i capelli cotonati – fare progetti su di te. Loro erano i tuoi genitori e ti prospettavano il mondo delle meraviglie perché le immagini brutte appartenevano ai loro genitori, ai libri di storia e a paesi lontani che se volevano loro potevano ignorare.

Lavoravano, producevano e risparmiavano: allo xennial semplicemente non è più possibile. Incastrato tra due mondi, perennemente indeciso su cosa fosse meglio e su cosa è peggio, lo xennial, a differenza di chi è venuto dopo,  ricorda tutto quel mondo delle meraviglie. Ripetutamente torna a peccare di vittimismo, a comportarsi come chi chi ha assaggiato il vino migliore tra tutti e deve accontentarsi – per il resto dei suoi giorni – di una bottiglia dal sapore ordinario.

Lo xennial ha dunque il compito più affascinante e insieme il più difficile: sintetizzare i due mondi e crearne uno nuovo. Ogni giorno sbarca su questo pianeta e lo esplora per mettersi quotidianamente alla prova. Assaporando il meglio e conoscendo il peggio. Perché per ora il meglio tocca sempre agli stessi: lo scrivo senza rimpianti e senza rancore. Potrebbe non essere così. Magari mi sono sbagliato. Magari tutto è il frutto di un equivoco e di un pizzico di sana confusione.

Categorie: confusioni di uno xennial, Cultura

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close