L'ora più buia ai tempi del Coronavirus

L’ora più buia

Churchill lo sapeva benissimo e – lo proclamava – altrettanto bene: senza vittoria non c’è sopravvivenza. Parole chiare – le sue – parole che dovrebbero essere comprensibili anche a moltissimi di noi, venuti al mondo dopo quel maggio del 1940, l’anno più difficile per la storia della Gran Bretagna. Era una Primavera di 80 anni fa e dell’isola che aveva dominato sull’ impero più vasto mai visto, tutto ad un tratto era rimasta l’ombra di un paese lasciato solo.

Già, un paese lasciato solo, l’unico – con Russia e Stati Uniti ancora estranei al conflitto – rimasto a fronteggiare Hitler e l’orda nazista nei primissimi anni della seconda guerra mondiale.

L’ora più buia degli inglesi e del mondo libero – da qui il titolo omonimo del film con Gary Oldman – forse coincide ancora oggi con il ritiro da Dunkerque, con le bombe che cadono al posto della pioggia e inaridiscono un suolo nobile e fertile.

Eppure, quelle parole sono sopravvissute a quei tempi, alle schiere di ammiratori e oppositori, sono andate ben oltre il loro scopo iniziale: oggi appartengono all’umanità.

Per comprenderne il valore, è sufficiente una semplice considerazione: sono parole che tornano alla mente solo in casi eccezionali, durante eventi che mettono a dura prova il grado di civiltà sin qui raggiunto.

E’ l’ora più buia del mio paese da quando sono nato, e non pensavo che avrei riletto, citato, attribuito i discorsi di Churchill alla diffusione di un virus che fino a quindici giorni fa sembrava remoto e lontanissimo, la solita questione triste destinata ad altri sfortunati. Il benessere insegna tante cose, ma soprattutto ti abitua a credere che tutto sia risolvibile, tutto sia concordabile e rimediabile, che ogni vizio – oltre ogni ragionevole dubbio o bisogno – possa essere soddisfatto.

I bisogni sono roba d’altri – pensavi, pensavo – le paure possono essere scacciate via con innumerevoli distrazioni: esiste il rito dell’aperitivo, la vacanza per andare in Paradiso, la cena rimediata con un paio di amici all’ultimo momento per scacciare via lo stress quotidiano a colpi di battute, brindando al domani che è un altro giorno.

Da ieri il nostro mondo si è trasformato in qualcosa che difficilmente è spiegabile a noi stessi, e che sarà altrettanto complesso testimoniare negli anni a venire a chi non ne avrà conoscenza o memoria:

da ieri il nostro mondo si fonda su regole tutte nuove, imposte a chi, membri di generazioni viziate e cullate, si erano allontanati irrimediabilmente da comandamenti e gerarchie.

Per la prima volta, abbiamo tastato il vero gusto della proibizione, solo una delle figlie della parola quarantena, piombata improvvisamente e amaramente nelle nostre vite: una parola che sembrava appartenere al mondo di Boccaccio, di Manzoni, di navi di pirati. Chi di noi – fino a un paio di settimane fa – avrebbe mai pensato di dedicare interi post o discorsi su un termine assimilabile e riproducibile solo durante le lezioni di letteratura tra i banchi di scuola?.

Ma viene da chiedersi: chi di noi, fino a ieri, avrebbe dovuto temerla, rispettarla, al punto da tenerla a mente prima di uscire di casa o andare a comprare un pezzo di pane?

Già, il pane. Corre alla mente un’altra citazione: se non hanno più pane, dategli le brioche…Già, ricorrere all’infelice battuta, erroneamente e ingiustamente attribuita a Maria Antonietta, servirebbe a sdrammatizzare l’impensabile.

S’intende, fino a ieri.

Se da un lato le locuste invadono il corno d’Africa – e anche quello, in fondo, continua a riguardare gli altri – migliaia di connazionali hanno invaso i centri commerciali per la paura di non trovarlo, il pane. Senza una ragione, contravvenendo alla logica che il nemico da combattere è un’epidemia, e non una carestia, gli Italiani per l’ennesima volta si sono dimenticati che esistono regole e che tra tutte, in primis, è fondamentale evitare assembramenti.

Assembramento: altra parola che avrò usato una o due volte in tutta la mia vita. Eppure, è la parola che più pesa, che più sembra difficile da masticare e digerire tra tutte quelle che il premier Giuseppe Conte ha citato nel discorso alla nostra nazione nella sua – forse ha ragione – ora più buia.

Il nostro Primo Ministro Giuseppe Conte ha parlato di quest’ora buia in un Post su Instagram, ricordando e parafrasando proprio i discorsi di sir Winston Churchill. Il quale, e sarei pronto a giurarlo, oggi ricorrerebbe ai social pur di dare sfogo alla sua gloriosa testardaggine, al suo indomito desiderio di guardare il nemico e sfidarlo negli occhi, urlandogli contro non il suo disprezzo, bensì la propria convinzione che la vittoria totale è possibile solo se esiste, davvero, la voglia di sopravvivere.

Anche nell’ora più buia, la voglia di sopravvivere – e dare il meglio – vince e paga sempre: se da un lato ci ha aiutati a ritrovare il senso di parole che sembravano perdute, oggi può lasciarci riscoprire il gusto dolce di azioni che sembravano destinate all’estinzione.

Come ignorare l’orologio, evitare di correre e rincorrere chissà chi e chissà cosa,  parlare con la propria famiglia, dialogare e tentare di conoscere i propri figli, scoprire angoli dove giocare conta più dell’assenza di wi-fi, aiutare e fare tutto il possibile per tutelare l’incolumità, la vita stessa di chi ci ha dato la vita.

Più banalmente – e forse è vero il contrario – l’ora più buia potrà aiutare noi adulti a riscoprire e far capire ai più piccoli che sono sempre esistiti week end senza centri commerciali, serate con serrande abbassate e negozi chiusi prima del tramonto. Se queste possibilità verranno interpretate come sinonimo di rinuncia, allora il virus non sarà l’unica e ultima minaccia. E questa, ne sono certo, non resterà la nostra ora più buia.

Categorie: confusioni di uno xennial, Cultura, Real Life, Riscopriamoli..., Sport

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close